Focus

La carota... viola!

È strano immaginare la carota senza il suo classico colore arancione, vero? Ebbene, per quanto possa essere strano, in passato, la carota era di colore viola. Era la più diffusa e consumata tra le popolazioni in Asia e in Europa.

Sembra fantascienza ed invece è storia tutta naturale. Questa tipologia di ortaggi risale al 2000 a.C. e furono i commercianti arabi a esportarle in diversi paesi.

Le carote arancioni sono frutto di una selezione operata dagli agricoltori olandesi nei secoli XVI e XVII, in onore della dinastia regnante: gli Orange. La trasformazione del colore di questo ortaggio da viola ad arancione è avvenuto per un lento processo naturale di selezione attuato da coltivatori olandesi, partendo da un seme di carota proveniente dall’Africa del nord.

Le varietà originarie, provenienti dall’Afghanistan, erano per lo più viola, ma ne esistevano anche di gialle, rosse o nere, in base alla zona in cui venivano coltivate.

Questo colore così particolare è dovuto alla presenza, in questa tipologia di ortaggio, dell’antocianina, un pigmento naturale presente in altri alimenti come l’uva, le melanzane o i mirtilli (notoriamente nere, viola o blu). Si tratta di una sostanza bioattiva con proprietà antiossidanti, antinfiammatorie ed antiallergiche. L’antocianina è in grado di svolgere un’azione protettiva nel processo di insorgenza tumorale, può migliorare la salute del nostro cuore, riducendo anche il colesterolo “cattivo”.

Le carote viola hanno poche calorie e grazie al loro elevato contenuto di fibre danno una sensazione di sazietà favorendo la digestione.

Tenuto conto delle loro proprietà, negli ultimi anni si è attuato un programma di recupero delle cultivar di colore viola di questo ortaggio che oggi è facile trovare sul mercato.

Correlati

Quanti pomodori esistono?

Sono arrivati a circa 75 mila le tipologie di pomodoro ufficialmente riconosciute: una cifra enorme, e pensare che circa 300 tra questi sono [...]

SCOPRI
Un Programma Europeo

Oltre 30 milioni di alunni in tutta l'UE ricevono frutta e verdura grazie al Programma europeo Frutta e verdura nelle scuole.

Oltre alla [...]

SCOPRI
Frutta e verdura a scuola!

Il Programma Frutta e verdura nelle scuole distribuisce: pere, mele, arance, pesche, kiwi, albicocche, mandarini, fragole, mirtilli, carote e [...]

SCOPRI
Buone abitudini a merenda!

Bambini, avete mai visto come nascono e crescono i frutti e la verdura che mangiate e che vi portiamo a scuola?

No? Allora scopriamolo [...]

SCOPRI
Lotti di distribuzione

Il Programma Frutta e verdura nelle scuole è destinato agli alunni delle scuole primarie di età compresa tra i 6 e gli 11 anni.
L’obiettivo [...]

SCOPRI
I numeri del progetto

Il Programma Frutta e verdura nelle scuole ha visto, nell’anno scolastico 2018/2019, 5290 plessi scolastici coinvolti, con 46301 classi e 858596 [...]

SCOPRI
Giallo estate!

D’estate, a causa del caldo torrido, è importante bere a sufficienza.

Ci si può dissetare in tanti modi. La frutta e la verdura possono [...]

SCOPRI
L’anguria: il frutto dell’estate

L’anguria è l’emblema dell’estate, conosciuta anche con il nome di cocomero, è facile trovarla sulle nostre tavole da giugno a settembre.

[...]

SCOPRI
Una mela al giorno toglie il medico di torno!

La mela è lo spuntino ideale per eccellenza.

Facile da mangiare in ogni occasione, intera a morsi oppure tagliata a spicchi, con o senza [...]

SCOPRI
Uva per ogni occasione

Sapevi che le varietà di uva sono tantissime?

Esistono infatti oltre 8000 varietà di uva in ogni parte del pianeta. Sono due le categorie [...]

SCOPRI
Non è estate senza albicocche!

Sembra incredibile ma esistono centinaia di varietà diverse di albicocche: trecento quelle catalogate in Italia, anche se ci appaiono tutte uguali [...]

SCOPRI
Fragole di bosco

La Fragaria vesca, nota comunemente come “fragola di bosco”, è una pianta perenne.

In Italia nasce spesso spontaneamente nei [...]

SCOPRI